Autore Sara Fabbri :: 2 Gennaio 2015

Gli uomini che fanno i brillanti sono una categoria che può suscitare fin da subito simpatia o antipatia estrema.

Gli uomini brillanti

Grado di difficoltà: 

1.02

Avete presente quali intendiamo? Quelli che vi fanno le battutine, che devono essere simpatici a tutti i costi. Con loro passate una bella serata, divertente, piacevole... ma non cascateci: spesso non sono ciò che cercate. In certi casi lui è anche carino, potrebbe interessarvi, quindi potrebbe capitare di conoscerlo un po' meglio, ma quando gli fate una domanda del genere "Allora, di dove sei? Hai un accento che non è di qui" e lui risponde con una battuta "Potrei dirtelo, ma poi dovrei ucciderti..." rimanete un attimo interdette e pensate "Sì, simpatico, ma io volevo sapere da dove vieni...".

Non si rende conto di non essere affatto originale né affascinante e che, per di più, non rispondendo subito alla vostra domanda, vi indispettisce un po' e smorza il vostro interesse nei vostri confronti. Voi, però, ridete lo stesso, in parte perché in alcuni casi le sue facezie sono davvero divertenti, in parte perché vi dispiace smontarlo e lo assecondate.

Lui cerca di rompere il ghiaccio, è evidente, ma finisce per essere solo il tipo che vi ha fatto fare due risate e che avete dimenticato subito dopo; se vi chiede il numero, glielo date anche, non perché vi abbia conquistato, ma perché è innocuo e in fondo pensate che non sarebbe male come amico.

Se vi rivedete, lui continua imperterrito con la sua linea di condotta, perché cerca di creare una certa complicità, e ci riesce, solo che non si accorge di percorrere la strada per diventare un tuo amico. E basta.

L'uomo divertente, che sa come farti ridere, non ha niente di sbagliato, anzi, ma la sua simpatia non deve essere costruita, non deve essere volta a un fine, e quando è così lo percepite immediatamente. Da una parte c'è il tizio che cerca di strapparvi una risata, prendendosi e prendendoti un po' in giro, che fa il brillante per dimostrarvi, sotto sotto, che è lui che tiene le redini della conversazione, a decidere quando e se la vostra chiacchierata prenderà una piega più intima e interessante; dall'altra, c'è l'uomo che sfrutta la sua arguzia per dirti qualcosa di sé:

"Allora di dove sei? Hai un accento che non è di qui".

"Di Genova, ma non sono tirchio, le noccioline le offro io!"

Sembra non cambiare molto, ma, tanto per cominciare, ha risposto alla vostra domanda, il che vi predispone positivamente, e solo dopo quindi ha aggiunto una battuta. La comunicazione, in questo modo, è produttiva, utile, vi aiuta a conoscervi meglio, non c’era un muro di spiritosaggine, che è piacevole solo nel caso in cui voi cerchiate un'avventura o simili, ma che è quanto meno molesto se desiderate un rapporto serio e state provando a capire se quello che avete davanti potrebbe essere l'uomo che fa per voi.

Come sempre, tutto dipende da ciò che volete, quindi non fatevi abbagliare da una serata piacevole.

Facebook Comments Box