Autore Sara Fabbri :: 21 Gennaio 2015

Essere una sfida per gli uomini vi permetterà di apparire come donne che sanno il fatto loro, indipendenti e capaci di scegliere accuratamente un partner.

Essere una sfida per gli uomini

Grado di difficoltà: 

2.01

Tanto per cominciare è bene definire cosa intendiamo per "sfida": non l'invito a competere o la provocazione, piuttosto il concetto più ampio di "non rendere le cose troppo semplici, scontate e monotone".

Inoltre, la sfida deve essere tenuta viva anche dopo la seduzione; deve diventare un atteggiamento mentale spontaneo, non un trucco di conquista.

In amore vince chi fugge. Banale? Forse. Impreciso? Certamente. Ciò che conta è l'idea che se per ottenere qualcosa si deve lottare e soffrire un po', allora la sentiamo più nostra, più meritata e dopo la fatica fatta certamente ce la terremo più stretta.

Perciò non si tratta di essere capricciose e volubili, ma semplicemente di mettere dei paletti. Andiamo alla pratica.

Approccio
Lo notate, attirate la sua attenzione col gioco di sguardi, con il vostro sorriso, vi avvicinate, gli parlate, flirtate un po'. Tutto come al solito, ma provate ad agire come se in realtà aveste altro per la testa, mostrandogli un certo interesse, è ovvio, ma con un occhio sempre al tavolo delle amiche. Infine, chiudete voi la conversazione: "Senti, allora mi dai il tuo numero? Perché devo proprio andare, le mie amiche mi aspettano, ma vorrei rivederti", scambio numeri, convenevoli e poi andatevene voltandovi brevemente per sorridergli, ma poi sedetevi dandogli le spalle e ignoratelo per il resto della serata, limitandovi a un cenno di saluto quando ve ne andate. Avrà una generale sensazione positiva, ma con un retrogusto amaro (le Montagne Russe che tanto spaventano gli uomini) per lo smacco di non avere più avuto la vostra attenzione. Perciò la vorrà.

Durante la seduzione
Se vi chiama all'ultimo momento e avete già da fare non piantate in asso tutto e tutti per correre da lui, rimandate. Al primo e ai successivi appuntamenti siate voi stesse, cercate di conoscerlo meglio e godetevi il tempo passato con lui. Se vi piace davvero, però, stuzzicatelo un po' buttando un paio di volte l'occhio al bel barista o al tipo del tavolo vicino, non per farlo ingelosire, ma solo per suggerire l'idea che siete lì con lui per una vostra scelta, non per necessità, perché con voi niente gli è dovuto e niente può essere dato per scontato.

Durante la frequentazione
Continuate il gioco, siate indipendenti dal vostro uomo, che sarà più che felice di avere accanto una compagna interessante, propositiva e sicura di sé, con una vita piena e capace di stare da sola, ma che lo ha scelto come partner, non per dipendere da lui e annullarsi in lui, ma per condividere insieme la pienezza dell'esistenza.

Facebook Comments Box