Autore Laura Ruggeri :: 10 Febbraio 2015

"50 sfumature di grigio" è un libro di grande successo e tra poco anche un film che farà grandi incassi. Ma quali sono le ragioni per cui è una storia che piace così tanto alle donne e incuriosisce gli uomini?

Cinquanta sfumature di grigio

Cinquanta sfumature di grigio è il primo libro della fortunata trilogia della scrittrice inglese E. L. James, pubblicato nel 2011. Da quest’opera è stato tratto un adattamento cinematografico in uscita nelle sale il 12 febbraio. Esso affronta tematiche sessuali esplicite e forti, trattando di pratiche erotiche estreme come il BDSM, sigla che significa bondage, dominazione, sottomissione e masochismo. Il film consta di ben 20 minuti di scene di sesso su 100. La trama fa riferimento alla torbida relazione tra la timida e impacciata studentessa di Letteratura dell’ultimo anno, Anastasia Steele, e il seducente miliardario, Christian Grey.

Tralasciando le caratteristiche filmiche della pellicola e a parte un certo scandalo di sicuro impatto, cosa realmente spinge le donne (ma anche gli uomini) a guardarlo? Vi sono alcune tematiche principali che possono attrarre gli spettatori alla visione del film.

Differenti ceti, un’unica passione
Chi sono i due protagonisti? Che ruoli hanno nella società? Ana, la protagonista del film, è una ragazza semplice con uno stile sciatto, agli albori della sua carriera lavorativa, mentre Mr Grey è un uomo d’affari con una professione più che avviata, nonostante la giovane età. Questo incontro tra due mondi sociali così diversi può attrarre lo spettatore, che è portato a sognare, come si fa davanti a una favola dove il principe, tenebroso e probabilmente pericoloso, si accorge della giovane ragazza e la desidera accanto a sé, anche se solo in circostanze sessualmente borderline. Lo stereotipo del principe potente e della povera ragazza ingenua ma curiosa affascina da sempre e stuzzica le nostre fantasie più infantili e semplici.

L’istinto da crocerossina
La bella Ana, nel corso della storia col perverso Grey, finisce suo malgrado per innamorarsene perdutamente. Si sa che l’amore di una donna è globale, è forte, con connotati materni non perfettamente sani a volte. Così la protagonista del film cerca di salvare l’amato dal suo problema col sesso e dal suo desiderio di controllo che gli impediscono di lasciarsi andare all’amore. Alcune donne hanno in sé questo desiderio di salvare l’uomo con cui stanno:  lui può essere un bruto manesco che la picchia e lei gli rimane accanto parlandogli e consigliandolo continuamente; lui è un asociale, chiuso al mondo e lei a fargli compagnia ogni sera davanti al televisore. La domanda è se questo è realmente amore o solo un bisogno di compensare una lacuna affettiva.

Sesso senza amore
A volte quando siamo estremamente isterici, nervosi e neri, il consiglio che qualche amico più spavaldo ci dà è di darci dentro con l’altro sesso. Le relazioni senza coinvolgimenti affettivi sono facili. Il partner non sa chi siete voi e questo permette una maggiore libertà, una maggiore capacità di abbandonare i pudori, che sono a volte imposizioni frutto di un’educazione troppo severa. Secondo questa logica, tutte le donne dovrebbero trasformarsi in fameliche Samantha di Sex and the city e gli uomini in Christian Grey. Ma ancora una volta la domanda provocatoria giunge a rompere le uova nel paniere: davvero ci si riesce ad aprire totalmente nel rapporto sessuale senza una profonda conoscenza dell’altro? Senza sapere chi sia? È anche vero dall’altro lato che a volte si vivono relazioni d’amore canonico senza che l’uno conosca l’altro.

La dominazione e la sottomissione
Il sesso piace a tutti. Oltretutto in quest’epoca di grandi progressi tecnologici, la pornografia è a portata di click. Attraverso questa sorgente inesauribile, che è internet, anche la più casta delle ragazze/ragazzi può venire a conoscenza di pratiche sessuali estreme: qualcuno può gradirle in un connubio tra piacere e dolore; ad altri possono suscitare disgusto e addirittura terrore. Nel gioco erotico della dominazione e sottomissione c’è una persona che si comporta da “dom”, ossia da dominatore che detiene il controllo e l’autorità sul gioco, dall’altra c’è il “sub”, il sottomesso, che acconsente ad essere dominato. “Mmh… non avevo idea che dargli piacere fosse così”, afferma la giovane Ana e questa frase ci fa capire quanto queste pratiche possano essere coinvolgenti.

L’entrare in un mondo torbido assolutamente diverso dalla routine
La routine è la tomba di ogni rapporto d’amore, con scene come il ritrovarsi la sera senza nulla da dirsi, il fare l’amore solo come obbligo coniugale. A volte per evitare tutto ciò è necessario aggiungere un po’ di pepe alla storia con qualche espediente. Questo escamotage in certi casi si chiama sesso spinto, un modo di fare l’amore che è al di fuori dei parametri più convenzionali: un esplorarsi e un esplorare i propri limiti, fisici e psicologici. Un’esperienza che se trova nell’altro risposta positiva può divenire fonte di grande conoscenza.

L’andare contro schemi morali che la società ci impone
La società in cui viviamo, sebbene si definisca laica, è in realtà infarcita di regole morali, perbeniste e religiose. Senza dubbio, ognuno ha il sacrosanto diritto di seguire ciò che sente e di comportarsi come crede, nel rispetto degli altri. Ma chiaramente la possibilità di trasgredire è uno specchietto che luccica in lontananza e attrae la curiosa allodola. Abbiamo tutti ricevuto un’educazione basata sulle regole: questo non si fa; vai a dormire; stai in silenzio; studia, una serie infinita di comandi. Da adulti può essere molto liberatorio poter dire no e fare qualcosa che i nostri genitori non approverebbero, come andare a letto senza lavarsi i denti, fare le quattro di notte fuori con gli amici o fare l’amore in maniere non convenzionali.

La ricerca del proprio target ideale
Un ultimo motivo per cui Cinquanta sfumature di grigio può indurre le donne a una gradita visione è quella sottile speranza che trasuda da ogni fotogramma, quel desiderio innato che ci spinge a trovare l’anima gemella, l’amore della nostra vita, la felicità insieme a un’altra persona. La ricerca è ardua, il lieto fine a volte un bel sogno che fino alla fine si spera di realizzare.

Chiudiamo con una riflessione. Quando desideriamo avere un partner, quali sono le caratteristiche che dobbiamo ricercare in lui/lei, affinché sia la persona dei nostri sogni? Sicuramente conta una buona attrazione fisica e una compatibilità sessuale, ma allo stesso modo contano gli interessi in comune e l'affinità emotiva. Un mix di fattori estremamente complesso, che spesso genera forme di attrazione che non hanno le basi per durare. Peggio: in qualche caso se durano producono situazioni laceranti e capaci di produrre quasi esclusivamente attriti e sofferenza. Il punto è che comprendere a fondo tutte le dinamiche dell'amore per compiere la scelta dell'uomo giusto e scartare quello sbagliato è estremamente complesso, per cui accadrà sempre di trovare persone come Ana che si innamoreranno di uomini probabilmente sbagliati come Christian. O comunque persone che si accontenteranno di una soddisfazione solo parziale, magari anche basata soltanto sull'appagamento degli istinti sessuali.

Trailer di Cinquanta sfumature di grigio

Tag: 

Facebook Comments Box