Autore Sara Fabbri :: 17 Gennaio 2015

Fare una bella vacanza col vostro partner farà aumentare l'affinità di coppia. Ma c'è la possibilità che qualcosa vada storto, quindi attenzione ai dettagli...

La vacanza di coppia

Partire assieme per una vacanza è un'occasione per stare lontani dalla routine quotidiana e dedicarvi a voi stessi come individui e come coppia. La cosa importante, soprattutto se avete gusti diversi, è essere aperti al compromesso.

La prima vacanza è la più difficile. Valutate bene se siete già pronti a stare 24 ore su 24 insieme: in pratica convivrete per la prima volta, cosa che potrebbe mettere a nudo abitudini fastidiose o vizi irritanti; inoltre cercate di capire se siete in grado di gestire i desideri e le esigenze di entrambi.

Qualora vi rendiate conto che per voi una vacanza a due potrebbe essere prematura, c'è l'opzione di partire con gli amici; spesso le coppie litigano perché uno dei due vorrebbe andare con gli amici, per cui un ottimo compromesso è andare tutti insieme. In questo modo, da una parte non ci saranno discussioni a causa delle vacanze separate, dall'altra voi sarete insieme, ma potrete avere momenti di pausa l'uno dall'altra; non rischierete, così, di esasperarvi reciprocamente con difetti che prima della convivenza forzata nemmeno conoscevate.

In generale, sia che si parta in coppia, sia che si parta in gruppo, ci sono tre aspetti cui prestare attenzione.

1. Accordarsi
Tanto per cominciare, la cosa migliore da fare è decidere assieme. Non è il caso che prendiate l'organizzazione in mano senza consultarvi, né che deleghiate tutto all'altro, per poi magari lamentarvi delle sue scelte. Cercate una meta che possa soddisfare entrambi: se avete voglia di fare free climbing e lunghe passeggiate e l'altro vuole fare pesca subacquea e poltrire all'ombra di un pino, fate in modo di trovare una meta che possa accontentare tutti e due almeno in parte. 

2. Serenità
Una volta decisa la meta, liberatevi dai problemi di ogni giorno, per quanto possibile. Sistemate tutte le questioni pendenti prima di partire (esami all'università, attività di lavoro, impegni familiari) e goditevi il viaggio in maniera spensierata; ridurrete il rischio di liti e musi lunghi dovuti a tensioni esterne alla coppia e al viaggio. Inoltre, potrete davvero beneficiare della vacanza, rigenerandovi.

3. Sdrammatizzare
I viaggi, si sa, sono sempre dei punti interrogativi. Potete avere organizzato tutto, avere letto recensioni, confrontato prezzi e depliant, avere chiesto ad amici e parenti, ma c'è sempre l'eventualità che il volo sia in ritardo, l'albergo deludente, il super-mega parco divertimenti chiuso per ristrutturazione. Se qualcosa va storto, cercate di mantenere la calma e soprattutto non sfogate la vostra frustrazione sul vostro partner; viceversa, se fosse l'altro a perdere le staffe, cercate di fare buon viso a cattivo gioco, calmatelo, facendolo ragionare sul fatto che, nonostante l'inconveniente, le vostre ferie potranno ancora essere divertenti e rilassanti, basterà chiudere un occhio e concentrarsi sulle cose belle. Provate a prenderla con ironia e a sfruttare gli intoppi in modo creativo: l'aereo ritarda? Approfittatene per leggere insieme la guida turistica; la camera dell'hotel non è un granché? Starete di più in giro; il parco è chiuso? Ripiegate sull'enogastronomia.

Infine, ricordate che le vacanze possono essere un momento di consolidamento della coppia. Avete, infatti, l'opportunità di dedicarvi l'uno all'altra in un contesto rilassato e piacevole, sorvolando sulle piccole difficoltà e condividendo un'esperienza gradevole che, se la vostra storia durerà, ricorderete per tutta la vita.

Facebook Comments Box