Autore Sara Fabbri :: 3 Febbraio 2015

Gestire la suocera, si sa, è cosa complessa e senza molte vie di fuga. Ma con alcuni accorgimenti riuscirete a farvela amica in poco tempo.

Gestire la suocera

La suocera è croce e delizia di ogni nuora. Ne esistono in circolazione di diversi tipi: quella brava a cucinare che col suo estro culinario mette in imbarazzo le vostre migliori pietanze; quella sempre dolce che tutto comprende e tutto dona; quella super impegnata alle prese col master post laurea che ha deciso di intraprendere a sessant’anni suonati, impegnata nella realizzazione di decorazioni all’uncinetto che vende per raccogliere fondi per l’Africa.

Questo tipo di donna è un esempio calzante di come la vecchia generazione non demorda, non arretri di un passo rispetto alle sue conquiste e averi, tra i quali figura anche il figlio maschio, che del resto hanno pure generato loro stesse.

Come fare a gestire una donna con tutte queste virtù? Come non farsi prendere da un inutile e controproducente odio?

Ecco per voi, donne sull’orlo di una crisi di nervi, alcuni utili consigli su come gestire la suocera.

Conoscetela meglio
Uno dei migliori modi per capire qualcuno è provare a comprenderlo. Potete quindi provare a comprendere anche la madre del vostro partner. Lo sappiamo, sembra per qualcuna un’impresa impossibile e la suocera sembra unicamente animata da uno spiritello dispettoso e invadente; provate invece a conoscerla. Che educazione ha avuto? Che marito ha sposato? In questa maniera capirete che non ce l’ha con voi, ma che si comporta così solo per ragioni sue.

Prevenire è meglio che curare
Cercate di scoprire quali sono i punti sui quali vi scontrate come due caproni testa a testa. Una volta evidenziati gli argomenti, le questioni spinose, evitandole con agili driblaggi potrete vivere più serenamente i momenti in comune.

Contate fino a dieci
Quando, nonostante il cauto passaggio attraverso il campo minato della vostra discussione, sarete ugualmente incappati nel solito atteggiamento ostile, non perdete la calma, facendo una sfuriata. Rimanete calme e con gentilezza esponete il vostro disagio.

Evitate il senso di colpa
Se dopo una lite, più o meno furiosa con lei, vi ritrovate poi a riflettere sull’accaduto, lasciate le lacrime di pentimento ai coccodrilli. Se cedete al rimorso e alla colpa, la visione dell’accaduto si appannerà notevolmente e perderete la lucidità. Rimanete tranquille: l’origine di ogni malinteso è da ricercare in entrambi i contendenti.

Da qui non si passa!
Mettere dei paletti a certi luoghi o a certe situazioni non vuol dire allontanare una persona, ma creare un rapporto armonioso dove il partner saprà fin dove si potrà spingere con voi. Se vostra suocera varcherà quel confine, con gentilezza riportatela tra gli argini che avete scelto. Ricompensatela se invece riesce a stare al suo posto: un rinforzo positivo serve a gratificare non solo il vostro amato cucciolo di Yorkshire, ma anche la vostra simpatica suocera.

Parlatene col partner
Il vostro partner non è solo il figliolo di vostra suocera, ma è anche l’uomo che avete scelto di avere al vostro fianco. Mettetelo al corrente di come vi sentite e parlategli di come state pensando di gestire i malumori con la madre. Inoltre, fategli capire che anche lui con molta gentilezza può affrontare l’amata mamma, per dirle di fare un passo indietro rispetto alle ingerenze sulla vostra coppia.

Non chiudetevi, o peggio, non sentitevi in colpa
Vostra suocera ha il suo bel caratterino, cercate quindi di rispettarla per quello che potete. Non mancatele mai di rispetto, perché se lei lo fa, voi sarete migliori di lei e non cadrete in tentazione.

Lei non si trasformerà di certo in una seconda mamma, ma con l’impegno e la lucidità potrete sicuramente migliorare il vostro rapporto con lei.

Facebook Comments Box