Come aiutare il tuo partner ansioso – e te stesso

Come aiutare il tuo partner ansioso - e te stesso

L’ansia si presenta in molte forme e viene vissuta a diversi livelli, e il suo impatto su ogni persona può variare molto. Tuttavia, ci sono diversi modi per aiutare il tuo partner a superare le sue sfide mentre tu ti prendi cura di te stesso. Vivere con l’ansia può essere difficile – i tuoi pensieri sono incessanti, potresti temere compiti che altri trovano semplici (come guidare per andare al lavoro) e le tue preoccupazioni potrebbero sembrare ineluttabili. Ma anche amare qualcuno può essere difficile. Potresti sentirti impotente o sopraffatto per  come i sentimenti del tuo partner influenzano la tua vita quotidiana.

Se è così, non sei solo: diversi studi hanno dimostrato che i disturbi legati all’ansia possono contribuire all’insoddisfazione coniugale.

Iniziare affrontando i sintomi

Poiché l’ansia può essere logorante, può essere meglio iniziare parlando con il tuo partner dei modi in cui questa colpisce la vostra vita quotidiana, come l’insonnia, dice Jeffrey Borenstein, presidente della Brain & Behavior Research Foundation di New York. Anche qualcosa di semplice come usare la parola “stress” invece di etichette cliniche può aiutare. “Spesso la gente può sentirsi un po’ più a suo agio a parlare di stress invece che di … ansia”, dice Borenstein.

Non minimizzare i sentimenti

“Anche se la prospettiva dell’altra persona non ha assolutamente senso per voi dal punto di vista logico, dovreste convalidarla”, dice Carolyn Daitch, una psicologa autorizzata e direttore del Centro per il trattamento dei disturbi d’ansia a Farmington Hills, Mich. Cercate di capire le paure e le preoccupazioni del vostro partner, o almeno riconoscete che queste paure e preoccupazioni sono reali per il vostro partner, prima di affrontare il perché queste cose potrebbero essere irrazionali. L’ansia non ha una soluzione facile, ma per aiutare qualcuno bisogna iniziare dall’avere comprensione. “Troppi partner, in particolare quelli di sesso maschile, vogliono risolvere subito il problema”, dice Daitch. “Devi iniziare con l’empatia e la comprensione. Si può passare alla logica, ma non prima che la persona non si senta giudicata e… incompresa”.

Aiuta il tuo partner a cercare un trattamento – e partecipa quando puoi

Se il vostro partner è sopraffatto dall’ansia, incoraggiatelo a cercare una terapia. Puoi anche suggerire nomi di terapeuti o uffici, ma non chiamare il terapeuta e fissare tu stesso l’appuntamento, dice Borenstein. E’ necessario che la persona abbia un certo livello di coscienza sul trattamento che sta per affrontare e lo deve volere veramente. Spesso si preferisce che il partner di un paziente partecipi alla terapia per rafforzare il sistema di supporto del paziente a casa. “Noi tre – paziente, partner, terapeuta – siamo una squadra, e quella squadra si oppone al disturbo dell’ansia”, dice. Ma non parlare al tuo partner a casa come potrebbe fare un terapeuta. Per esempio, non suggerire al tuo partner di provare farmaci o modi di modificare il comportamento. “Lasciate che le raccomandazioni sul trattamento vengano dal professionista” anche se voi stessi siete nel campo della salute mentale, dice Borenstein. “Io personalmente sono un professionista, e non prescriverei nulla a una persona cara”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter